CULTURA - 02/05/10
TERZARL
Terra d'Istria
Paolo Pozzi ha voluto leggermi questa poesia in un breve incontro a casa sua, una vecchia e bella casa di Masnago, che alterna con un soggiorno sulle alture di Stresa: presente la moglie Marisa, si commosso e non arrivato alla fine. Cos me l'ha inviata, assieme a un audio in cui decanta con sicurezza questi versi dedicati alla compagna della sua vita. Ve li proponiamo, assieme alla foto che ci ha inviato come accompagnamento. Alma Pizzi

TERZARL
Terra d'Istria

Grisa, l'aria dul ceel du la t tera
la piang gott da rusva in s 'l t coll,
intant ta strngi fort la man d'ra vera...
guardum ul maar e trvum p paroll.

Selvadigh ul prufmm, e la marina
davanti ai cc, a ma ridnn respiir:
un respir grand, grand cum la stima,
che gh'ho vers la t tera e vers da ti

Una riga da sabia bita e viva,
sott' a 'n ceel sliis da nivul e gabiaan...
'na barca sott' a vent ca porta a riva
un terzarl da randa ligaa a maan.

E in dul m cr ciapaa 'm vela al vent
a passa un'unda da malincunia.
M, pssee fort a strngi la t maan:
ta guardi e pensi ca ta rispusaria.

Paolo Pozzi



Terzarolo
Grigia, l'aria del cielo della tua terra - geme gocce di rugiada sul tuo collo - intanto ti stringo forte la mano della vera (la mano sinistra), - guardiamo il mare e non troviamo pi parole / Selvatico il profumo, e la marina davanti agli occhi mi ridanno (il) respiro - un respiro grande, grande come la stima - che ho verso la tua terra e verso te. / Una riga di sabbia nuda e viva - sotto un cielo consumato da nuvole e gabbiani - una barca sotto vento che porta a riva (issato) - un terzarolo di randa legato a mano / E nel mio cuore, preso (dall'emozione) come vela al vento - passa un'onda di malinconia. - Ora pi forte stringo la tua mano: ti guardo e penso che ti risposerei.


nella foto:
Arsenale
di: Paolo Pozzi
..................................................................................................................................
Condividi | |