La Poesia - 12/12/10
STORIA D'UNA PIANTA
Una pianta, una trav, un tocch da legn e un nvudiin
L'eva nassa da sura da Cas'ciagh,
da sta du la costa da Vel,
dr du la Tur, da dua sa veed Masnagh,
'na primavera da ses'cnt ann fa.
L'eva nassa: l'eva staia furtnava!
Na' castgna d'un risc spustaa dul veent
la sva quat via in mezz al strmm,
a la met i radis e in d'un mumeent
l'ha manda f 'na ferla cul primm ramm.
Ul lgh a l'eva giust, l'ha prutegiva,
di cunili, di ghir, di murigi,
e anca dopu, quan' l'era un pu' cressa.
l'ha tegn in dr i altar bsti e i cavri.
Intant a gira ul temp e la ven granda,
quanta storia ca passa sotta i rmm!
E i s castgn, seccaa, i'a rincravan
i nostar vcc, par tss via la famm.
Anca la fja la vegneva sava
par i bsti, in di stall mej guvernaa;
infiin par tgn s i viid p duperavan
i s ramm pss drzz: tcc been peraa.
A passan dsnt ann: a l'hann tajava
e par trii ann l'hann lassal a sec,
p, hann tiraa f' un travuun e l 'hann pugiava,
come puntuun sl tcc d'ra nosta C.
Una volta in sl tecc, da sota i cpp,
quanta gnt ca l'ha vid a pass!
Quanti stori bei e brtt e quanti rpp,
col s parl l'avrss pod cnt.
Intant passan i ann e i guer, e i mm,
e gh' cambiaa anca i padrun d'ra c,
ma le sempar l ferma: cume 'l Dmm,
in mezz ai cambiamnt vid da l
Insc, gh' riva' ch ul nuvantad
e un d hemm deciis, da mett a post la c:
ma n'architett, ch'al saveva da pcch,
l'ha faia t dal tcc e p' taj!
Quand i ho vist m' vegn 'n culp m' dispias
e dul maguun pudeva p' parl,
tcc quij tocch puggiaa, a d a d,
tacaa al camiin, urmai prunt da brs.
Ma mi ho 'spettaa, i ho mia vur' dupr,
i tocch du la traa vegia d'ra me C:
ul lgn, d'una pianta granda e forta,
ch'eva nassa ben ses'cnt ann fa !
P', in una nott fregia da dicembar,
a guard i stell l'era quasi mezzanott,
cunt ul me nevudin ho pzz 'l fgh
e in dul camn, n'ho bt s d tocch.

...E ul fgh al s' pizza... e in dun mument
i firapul a vna, a des, a cent
a vugavan in valt, sempar p s
par fagh da strava al Bambinel Ges
e 'na firapula, quela pss bla ,
fra in dul cel e diventava stela,
la s' fermava pugiava sura 'n pin
perch gh'eva nass 'l Ges Bambiin!
Adess la storia, che la par finiva,
la riva in fund con la so muraal:
I tocch ca m'hinn restaa tgni in cantina
e 'n brsi vn par nott ogni Natal.

Mutarell da Masn dicembar 95




Storia di una pianta
(Una pianta, una trave, un tocco di legno e un nipotino)

Era nata di sopra di Casciago,
di sotto alla costa di Velate,
dietro la Torre, da dove vedi Masnago,
una primavera seicento anni fa.
Era nata. Era stata fortunata.
Una castagna di un riccio spostato dal vento
si era coperta via in mezzo allo strame,
ha messo le radici e in un momento
ha "mandato fuori" un germoglio con il primo ramo.
Il luogo era giusto, l'ha protetta
dai conigli, dai ghiri, dai topolini,
e anche dopo, quando era un po' cresciuta
ha tenuto lontane le altre bestie e i caprioli.
Intanto gira il tempo e viene grande,
quanta storia passa sotto i suoi rami!
...E le sue castagne, le facevano seccare,
i nostri vecchi, per togliersi "via" la fame
Anche la foglia (lo strame) veniva usata
per le bestie, nelle stalle meglio accudite.
Infine per tenere su il vigneto adoperavano
i suoi rami pi dritti: tutti ben pelati.
Passano duecento anni: l'hanno tagliata
e per tre anni l'hanno lasciata l a essiccare,
poi, hanno tirato fuori un travone e l 'hanno montata,
come architrave, sul tetto della nostra Casa.
Una volta sul tetto, sotto i coppi,
quanta gente ha visto passare!
Quante storie belle e brutte e quanti fatti
col suo parlare avrebbe potuto raccontare.
Intanto passano gli anni, le guerre e gli uomini,
e sono cambiati anche i padroni di casa,
ma lei sempre l, ferma: come il Duomo
in mezzo ai cambiamenti visti da l.

Storia di una pianta 2/2
Cos, arrivato il novantadue
e un giorno abbiamo deciso, di mettere a posto la casa:
ma un 'architetto, con poco buon senso,
l'ha fatta togliere dal tetto e poi tagliare!
Quando li ho visti mi venuto un colpo, mi dispiaciuto
e dal magone non potevo pi parlare,
tutti quei pezzi appoggiati a due a due,
vicino al camino ormai pronti da bruciare.
Ma io ho aspettato, non li ho voluti adoperare,
i tocchi della vecchia trave della mia casa:
il legno di una pianta grande e forte,
ch'era ben nata seicento anni fa !
Poi, in una notte fredda di dicembre,
a guardare le stelle era quasi mezzanotte,
con il mio nipotino ho acceso il fuoco
e nel camino ne ho buttati due pezzi.
...E il fuoco si acceso... e in un momento
le faville, ad una, a dieci, a cento
volavano in alto, sempre pi,
per fare da strada al Bambinello Ges
e una favilla, forse la pi bella,
fuori nel cielo e diventata stella,
si fermata appoggiata sopra un pino
perch era nato il Ges Bambino!

Adesso la storia, che sembra finita,
arriva in fondo con la sua morale:
I pezzi che mi sono restati tengo in cantina:
ne brucio uno ogni notte di Natale

Mottarello di Masnago dicembre 95


di: Paolo Pozzi
..................................................................................................................................
Condividi | |