SPORT - 06/11/11
LA CIMBERIO AIUTA I PI┘ FRAGILI
Il maggior successo Ŕ l'attenzione sociale del club
La Pallacanestro Varese ha dato il via alla stagione del basket 2011-2012, e se il buon giorno si vede dal mattino, non sarÓ una cattiva giornata. La classifica ci gratifica come da tempo non accadeva. Ma vorrei qui approfondire un paio di argomenti che vanno al di lÓ della cronaca sportiva, e che sottolineano invece l'attenzione della Pallacanestro Varese verso il pubblico e i giovani.
Riguardo al pubblico (e pi¨ in generale alla struttura del vecchio Palazzetto dello Sport), sono state apportate migliorie soprattutto esterne (compresi due murales), una nuova tribuna stampa, ma ci˛ che pi¨ mi ha colpito positivamente Ŕ stata la nuova collocazione del pubblico in carrozzina. Agli spettatori disabili Ŕ stata riservata una 'balconata' panoramica in zona parterre, una soluzione ottimale, che mostra la sensibilitÓ della societÓ verso tutti i presenti al PalaWhirlpool. Sino allo scorso anno il pubblico in carrozzina trovava spazio in angoli defilati, certamente meno adatti degli attuali.
La seconda annotazione riguarda il progetto 'Basket, una scuola di vita' che da una decina d'anni arricchisce le proposte della Pallacanestro di vertice. Di che si tratta? L'idea Ŕ quella di coinvolgere gli studenti (elementari, medie e superiori), facendoli partecipare alla vita del basket varesino attraverso svariate proposte. La pi¨ coinvolgente Ŕ la possibilitÓ di assistere gratuitamente ad alcune partite casalinghe della Cimberio. A questo proposito ricordo un episodio di qualche anno fa. La Cimberio stava attraversando un periodaccio e rischiava di perdere un'altra partita in casa. Il pubblico dava segnali di nervosismo e di poca affezione alla squadra, volteggiavano i primi fischi. Durante un time-out, in uno spazio di silenzio, si levarono entusiastiche grida di incitamento da parte degli alunni di una scuola elementare e di una scuola media presenti grazie al Progetto. Tutti guardarono nella direzione della galleria in fermento. Capitan Galanda non perse l'occasione, not˛ subito la cosa e applaudý, levando le lunghe braccia al cielo in segno di apprezzamento; la piccola scintilla incendi˛ il Palazzetto e la Cimberio vinse il match. La cosa non pass˛ inosservata, tanto che alla fine del campionato le due scuole vennero premiate dalla SocietÓ con un apposito trofeo.
Grazie al progetto 'Basket, scuola di vita' Ŕ poi possibile assistere agli allenamenti, organizzare incontri con i giocatori, che si rendono disponibile a venire nelle classi, realizzare composizioni scritte, striscioni e disegni, concorsi che vengono poi premiati.
Mi pare un'iniziativa lodevole, resa possibile anche grazie alla disponibilitÓ dei docenti e dei genitori, un progetto che dimostra la voglia di andare al di lÓ del momento agonistico, della partita, che resta ovviamente il cuore della cittÓ del basket.


di: Carlo Zanzi
..................................................................................................................................
Condividi | |